|  | 

News

Il Vero Massone

 

“Il Massone dunque, il vero Massone, quello che vuole essere giustamente contento di sè, deve mirare non a procedere nella gerarchia ma a procedere sulla via del proprio perfezionamento, ad emergere non in virtù del grado massonico raggiunto, bensì in virtù delle naturali emanazioni dei proprii sentimenti, poichè soltanto se guidato da sani propositi confrontati da intima preparazione potrà essere utile alla società che sempre ha bisogno, ed oggi più che mai, di buoni e generosi artieri…”

Fr.·. Umberto Gorel Porciatti .·.

 

Tratto da “Simbologia Massonica – Massoneria Azzurra”, Editrice Atanor Roma 1946, pag 35

1 Commento

  1. Emanuele melluso

    ANDARE AVANTI COSTRUIRE COMBATTERE E VINCERE CONGRATULAZIONI

SCRIVI UN COMMENTO

L' indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Gran Maestro

Il Ser.·.mo Fr.·. Domenico Vittorio Ripa Montesano.·. è nato in un'antica Famiglia con ininterrotti Tramandi Iniziatici e Massonici, giunti alla quarta generazione. Iniziato all’Arte Reale in giovanissima età, ha ricoperto ruoli apicali nell’Istituzione rivestendo prestigiosi crescenti incarichi, che lo hanno portato oltre un decennio fa a giungere al Grande Magistero. Attivo in numerosi Cenacoli Iniziatici Nazionali ed Internazionali, con l’unanime supporto dei Fratelli, Governa dalla sua Fondazione la Gran Loggia Phoenix degli A.·.L.·.A.·.M.·. Scrittore, Saggista e relatore in numerosi convegni nazionali, è autore di molteplici pubblicazioni e studi esegetici sui Rituali della Massoneria degli A.·.L.·.A.·.M.·. . Cura la Collana "Quaderni di Loggia" per la Casa Editrice Gran Loggia Phoenix® da lui Diretta.

Facta non Verba

"FACTA NON VERBA" è la Divisa* della Gran Loggia Phoenix degli A.·.L.·.A.·.M.·. ed esprime sintetizzandolo un aspetto fondamentale della Nostra Filosofia di Vita, che diviene un abito mentale da riverberare positivamente anche una volta usciti fuori dalle Colonne.


* E’ il Motto tracciato su un cartiglio. Nel Nostro Stemma Araldico in lettere Azzurre su nastro d’Oro, incorniciato e sorretto da due rami di Acacia. Esprime in maniera allegorica pensieri o sentenze, definite anche imprese araldiche. Nella Tradizione dell’aspilogia sono costituite di corpo (figura) e anima (parole).